Aree

SANTA BERTILLA E IL GIUBILEO della misericordia

CENTRO SERVIZI PER ANZIANI SANTA MARIA BERTILLA – BRENDOLA (VI)

 

SANTA BERTILLA E IL GIUBILEO della misericordia

CENTRO SERVIZI PER ANZIANI SANTA MARIA BERTILLA  BRENDOLA (VI)

 

Giovedì 20 ottobre 2016

 

Insolita atmosfera al “Centro Servizi per Anziani” di Brendola: per i corridoi e le stanze è un susseguirsi di trepidante ricerca di conferme di orari e luoghi per il ritrovo del grande evento.

 

Si sa è la Festa di Santa Maria Bertilla, ricorrenza  sentita in tutta la Famiglia religiosa delle “Suore Maestre di Santa Dorotea Figlie dei Sacri Cuori”, ovunque operano, ma in modo particolare a Brendola, dove si trova la sua casa natale.

La celebrazione di quest’anno ha una connotazione speciale: la Chiesa ha concesso in questo giorno la  grazia di celebrare il Giubileo straordinario della Misericordia, attraversando il passaggio della “Porta Santa” della Cappella centrale del Centro Servizi.

 

Fin dalla prime ore del mattino, oltre agli operatori che quotidianamente si adoperano per l’assistenza e l’animazione, è un via vai di suore, volontari, parenti e amici che si prestano ad aiutare gli ospiti a raggiungere il salone, luogo del ritrovo.

Tutto è preparato con diligenza e cura: al centro un piccolo altare con il crocifisso e le candele per la celebrazione di apertura; la porta della chiesa è adorna di fiori e, appena dentro, una grande acquasantiera.

Lo staff organizzativo, con discrezione, pone grande attenzione affinché nessuna persona venga trascurata.  Gradita sorpresa è la presenza della Madre generale Suor Emma Dal Maso ed alcune consorelle del Consiglio generale, del Sindaco Renato Ceron e della Direzione, Dottor Diego Munari con i suoi collaboratori.






























Verso le 10.00 il Sacerdote Don Secondo Martin ci raggiunge nel salone e dopo alcune comunicazioni e riflessioni, che aiutano ad intensificare la consapevolezza del momento celebrativo, la processione si avvia mentre il coro canta l’Inno del Giubileo.

Apre la processione il sacerdote seguito dai sacerdoti residenti nella struttura: Don Lino, Don Mario,  Don Antonio e Don Emilio; seguono, accompagnati, gli ospiti in carrozzina e  tutti gli altri.

Ancor oggi il Rabbi di Nazareth attrae una folla desiderosa di vivere la Vita nuova del Vangelo. Sì, celebrare il giubileo è questa volontà di conversione alla logica delle Beatitudini, che tanto stride con la logica umana.

La solennità del momento è tangibile. L’Amore misericordioso del Padre ci avvolge nella sua tenerezza, mentre nel cuore risuona l’invito: “Siate misericordiosi come misericordioso è il Padre vostro” (Lc 6, 36).

Si cammina con questa consapevolezza lungo il corridoio. Mentre si oltrepassa la Porta Santa, il celebrante ci asperge con acqua santa e la gioia dell’essere “nuova creatura” ci pervade.

La Chiesa è presto gremita, diverse persone seguono la Celebrazione eucaristica anche nell’atrio o in collegamento video.



Durante il giorno è un susseguirsi di persone, più o meno giovani, che accompagnano nel pellegrinaggio chi per infermità o altre difficoltà non ha potuto partecipare alla processione.

 

Commovente poi è stato, alle ore 19.00, il passaggio della Porta Santa della Comunità dell’Unità pastorale Santa Maria Bertilla di Brendola e la partenza, attraverso la Via dei carri, fino alla Parrocchia, nonostante la minaccia del brutto tempo… molto suggestivi sono stati i lumini rossi accesi sui balconi delle finestre delle case lungo tutto il percorso: veramente i fedeli dell’Unità pastorale considerano questa Festa tra le più significative dell’Anno liturgico e Bertilla la loro Santa!

 

                Suor Giovanna Mastrotto   

 

 
 
Esci Home