Aree

Convegno di pastorale giovanile

29-31 agosto 2014 Casa San Giuseppe- Vicenza

COME PANE SPEZZATO E OFFERTO: voci dal Convegno di pastorale giovanile
29-31 agosto 2014 Casa San Giuseppe- Vicenza

Sulla scia del percorso iniziato con il precedente convegno, l’équipe della Pastorale giovanile e animazione vocazionale ha proposto una nuova tappa di incontro e di formazione dal titolo: “Come pane spezzato e offerto”.
Questa tappa formativa è stata vissuta in un continuum con i precedenti due appuntamenti di marzo nei quali si era approfondito il tema delle relazioni come trama essenziale su cui far fiorire proposte e cammini educativi.
Il convegno ha visto la partecipazione di suore e laici che vivono da vicino la missione pastorale nella catechesi e nei gruppi giovanili e parrocchiali.
È stato un ottimo incipit per l’avvio del nuovo anno pastorale e ancor più nel pieno dei preparativi per la canonizzazione del futuro santo Giovanni Antonio Farina, sia come comunità parrocchiali che come Famiglia religiosa.
“La vita della comunità cristiana di Gerusalemme come paradigma della nostra vita di fede” è il titolo del percorso di pro-vocazione e riflessione proposto in due momenti da Don Fabio Ogliani, parroco di Dueville (Vi), già formatore nella comunità vocazionale del Seminario di Vicenza, che ci ha accompagnato in questa due-giorni.
L’icona biblica che ha segnato questi giorni è stata la prima comunità cristiana di Gerusalemme raccontata a più riprese negli Atti degli Apostoli, dove “vita di fede”, “comunione di vita” e “testimonianza evangelica” si intrecciano in quel cammino di santità che spinge all’Annuncio di Cristo Risorto, il solo ha il potere di trasfigurare le nostre esistenze in Vita piena.
E noi con quale stile viviamo oggi il nostro essere cristiani, costruttori di comunità e testimoni del Vangelo? Quale spinta ci offre in questo tempo di grazia la santificazione del Vescovo e Fondatore Giovanni Antonio Farina?
Con il segno del pane e del sale, tipico dell’accoglienza rumena, che offre tutta la sua ricchezza all’ospite che entra in casa e che augura pregnante di sapore dato dal sale, si è aperta la serata iniziale e il momento significativo della cena fraterna, vissuta come nelle prime comunità cristiane, in cui ciascuno metteva in comune ciò che possedeva e durante la quale si viveva lo spezzare del Pane e quello della Parola.
Con lo stesso pane, ora più gustoso perché condiviso, abbiamo concluso il nostro stare assieme sul monte e siamo ripartiti, dopo aver spezzato le nostre esperienze, le nostre vite. Segno che fa memoria di quanto vissuto è stato un pezzo di un puzzle raffigurante quella pagnotta che si chiama “comunità” da impastare ogni giorno con elementi semplici e quotidiani.
 
 Immagini
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

La Comunità
La Comunità si costruisce con la Parola ascoltata, spezzata e assunta Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

In cammino
In cammino per celebrare la nostra vita e la nostra fede Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Materiali informativi
I partecipanti si confrontano sui materiali formativi rivolti alle diverse fasce di età Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Sussidi
Nei laboratori vengono presentati i sussidi per l'animazione dei gruppi parrocchiali sulla figura e il messaggio di G. A. Farina Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore

 
Salva Segnala Stampa Esci Home